COPERTINA ARTICOLO PRIMACTIVE

Previeni gli effetti negativi degli stress abiotici utilizzando l’effetto Primactive

Condividi su:

Le colture si sono evolute per sviluppare meccanismi integrati che le aiutino a gestire autonomamente gli effetti negativi dello stress abiotico. Ma con i cambiamenti ambientali a cui stiamo assistendo, è fondamentale per gli agronomi capire come utilizzare, attivare o rafforzare questi meccanismi di reazione durante il ciclo agronomico. Uno dei modi per farlo è preparare le colture per prevenire gli effetti negativi degli stress abiotici combinati prima che si verifichino, utilizzando l’approccio dell’effetto Primactive, che prevede l’utilizzo di un sottoinsieme specifico di biostimolanti che hanno questa modalità di azione.

 

Cosa sono i biostimolanti?

I biostimolanti sono prodotti che contengono sostanze e/o microrganismi la cui funzione, quando applicata alle piante o alla rizosfera, è quella di stimolare i processi naturali per migliorare o favorire l’assorbimento dei nutrienti, l’efficienza dei nutrienti, la tolleranza allo stress abiotico e la qualità del raccolto, indipendentemente dal contenuto di nutrienti. .

Se utilizzati correttamente, i biostimolanti consentono ai coltivatori di promuovere i naturali meccanismi di gestione dello stress abiotico nelle loro colture. Ad esempio, l’applicazione di biostimolanti noti per avere una modalità d’azione preventiva prima dell’inizio dello stress abiotico si è dimostrata una strategia agronomica molto efficace. Questa strategia si adatta perfettamente anche ai tempi di gestione delle colture e agli irroramenti esistenti. Questo priming o effetto Primactive aiuta a preparare le colture in anticipo per tollerare e resistere meglio a questi eventi avversi di stress abiotico e ridurre al minimo le perdite di resa e qualità durante il ciclo colturale.

Cos’è l’effetto primactive?

L’applicazione proattiva di prodotti con Effetto Primactive innesca alterazioni nel metabolismo della coltura, consentendole di resistere meglio agli effetti dello stress abiotico. In Rovensa Next, la nostra strategia di applicazione preventiva della biostimolazione si basa su soluzioni colturali Primactive Effect come la nostra gamma Phylgreen. La gamma Phylgreen è a base di estratti dell’alga Ascophyllum nodosum che cresce esclusivamente nell’Oceano Atlantico settentrionale. Quando applicato per via fogliare prima di eventi di stress abiotici, l’Effetto Primactive sfrutta le proprietà biostimolanti del mannitolo, degli alginati, di vari polisaccaridi e dei polifenoli antiossidanti, tutti naturalmente presenti in Phylgreen. Combinati, tutti questi composti naturali aiutano a preparare la coltura a gestire meglio la gravità dello stress abiotico alterando il metabolismo della coltura e l’espressione genetica e attraverso l’accumulo di composti che possono combattere gli effetti negativi dello stress abiotico. In definitiva, contribuendo a proteggere la redditività del raccolto.

 

Cos’è la “Gentle Extraction” e come influenza l’Effetto Primactive?

Nello stabilimento di lavorazione delle alghe Rovensa Next a Kilcar, in Irlanda, utilizziamo un esclusivo processo di estrazione delicata che ci consente di estrarre i componenti naturali delle alghe Ascophyllum nodosum e di preservarli dalla denaturazione. Questo è ciò che rende possibile l’effetto Primactive e ciò che rende la gamma Phylgreen una soluzione unica.

Raccolta e processazione dell’Ascophyllum Nodosum nel nostro stabilimento in Irlanda

 

In questo processo non vengono utilizzati prodotti chimici di estrazione aggressivi o temperature elevate, dalla raccolta, alla lavorazione, alla ricrescita delle alghe e al futuro nuovo raccolto, Phylgreen e Phylgreen wave sono prodotti completamente sostenibili. Studi di ricerca hanno dimostrato che i composti bioattivi che normalmente vengono distrutti nei processi di estrazione più aggressivi come l’estrazione alcalina, vengono preservati in Phylgreen attraverso l’estrazione delicata e sono direttamente responsabili della produzione di un effetto priming nel raccolto.

Questo effetto priming ha un impatto diretto sulla coltura a livello molecolare, altera l’intensità dell’espressione genetica e promuove l’accumulo di composti che aiutano a preparare la coltura a contrastare gli effetti negativi di un eventuale stress. Questa modalità d’azione priming è la base della gamma Primactive di prodotti Phylgreen.

 

Quando e come dovrebbero essere applicati i prodotti Primactive Effect come la gamma Phylgreen?

La ben documentata modalità d’azione Primactive Effect della gamma Phylgreen dimostra chiaramente che per ottenere risultati ottimali, ove possibile, le applicazioni fogliari dovrebbero essere effettuate prima dell’inizio dello stress abiotico. Le applicazioni fogliari proattive della gamma Phylgreen aiutano al meglio la coltura a superare condizioni climatiche sfavorevoli e stimolano lo sviluppo della coltura, soprattutto nelle fasi critiche di emergenza/trapianto, sviluppo vegetativo, fioritura, fruttificazione e maturazione dei frutti.

Esistono due strategie applicative consigliate per i prodotti Primactive.

La prima strategia riguarda le colture che vengono irrorate meno frequentemente o dove si sta avvicinando un noto evento di stress abiotico, come un’ondata di caldo. È possibile utilizzare una dose di 1 – 2 L /ha a seconda della coltura e delle condizioni locali (per maggiori informazioni consultare il tecnico Rovensa Next locale). Le applicazioni possono essere effettuate in linea i tempi esistenti dell’irrorazione nel campo, ad esempio T1, T2, T3 nei cereali.

La seconda e preferita strategia è chiamata “Frazionamento” e prevede l’applicazione fogliare di Phylgreen in più volte durante il mese, suddividendo la dose per applicare un totale cumulativo di 2 – 3 L/ha durante il mese. Questo approccio di frazionamento viene utilizzato con molto successo nelle colture che vengono irrorate con alta frequenza come patate, mele e altre frutticole, dove l’inclusione di una dose di 1 L/ha in ciascun serbatoio di irrorazione è un’opzione conveniente. Questo approccio ha il vantaggio di garantire che l’effetto primattivo sia sempre presente nella coltura, poiché lo stress abiotico può verificarsi in qualsiasi momento.

In uno scenario ideale, Phylgreen dovrebbe essere applicato 3 – 7 giorni prima dell’inizio dello stress abiotico, ma gli studi dimostrano che le applicazioni fogliari anche solo un giorno prima dell’inizio dello stress mostrano un chiaro effetto Primactive. Sebbene l’applicazione più di 7 giorni prima dell’arrivo dello stress sia efficace, l’effetto potrebbe diminuire dopo 21 giorni.

Una volta terminato il periodo di stress abiotico, le piante saranno in grado di superare più rapidamente eventuali condizioni metaboliche o di crescita avverse indotte dallo stress e avranno più energia da investire nella ripresa della crescita e nell’accumulo di rendimento. L’aiuto dell’effetto Primactive aiuta le piante a riprendersi con maggiore velocità e facilità e aiuta a garantire uno sviluppo ottimale e una redditività del raccolto.

Come ti aiutiamo:

Attraverso biosoluzioni sviluppate per soddisfare le esigenze delle colture dal seme al frutto.

Per categorie di prodotti

In base alle Esigenze dell'Agricoltore

Cresciamo insieme.

Ti aiutiamo ad accelerare la transizione green. Offriamo un'ampia conoscenza locale e assistenza tecnica globale.

"*" indica i campi obbligatori

Nome:*
Hidden