COPERTINA ARTICOLO CURACTIVE

Aiuta le colture a riprendersi durante o dopo eventi di stress abiotico utilizzando l’effetto Curactive

Condividi su:

“Prevenire è meglio che curare” è un detto che esiste da secoli ed è valido ancora oggi, qualunque sia il contesto a cui lo si applica. Nelle nostre colture, questo si traduce in Effetto Primactive; un approccio preventivo diretto che aiuta le colture a prepararsi e ad affrontare lo stress abiotico. Rovensa Next aiuta gli agricoltori a mettere in pratica tutto questo con prodotti come la gamma Phylgreen, a base di estratti dell’alga Ascophyllum nodosum, che innesca alterazioni nel metabolismo della coltura.

Tuttavia, il mondo non è perfetto e a volte perdiamo la finestra di applicazione e dobbiamo sostenere le colture durante o dopo un evento di stress abiotico che ha ridotto il potenziale di crescita e rendimento. È qui che entra in gioco l’effetto Curactive.

Cos’è l’effetto Curactive?

L’effetto Curactive è utilizzato per descrivere la modalità d’azione combinata dei prodotti biostimolanti Rovensa Next che aiutano direttamente le colture durante un evento di stress abiotico o nel recupero successivo. Le modalità d’azione individuali sono incentrate sui diversi effetti combinati di un diverso aminogramma di aminoacidi liberi L-α come:

Effetto osmolita dove le nostre soluzioni aiutano le cellule a mantenere il corretto equilibrio idrico durante lo stress abiotico, proteggendo strutture vitali come proteine e membrane cellulari.

Molecole di segnalazione genetica che innescano l’espressione genetica reattiva allo stress abiotico, come l’alterazione dell’espressione di geni che producono composti come le proteine da shock termico che aiutano a resistere alle alte temperature, alterando la regolazione degli enzimi legati allo stress, che aiutano a proteggere le piante dallo stress da calore.

Agenti complessanti che possono aiutare a legarsi e a disintossicarsi dalle sostanze chimiche nocive legate allo stress negativo, come le specie reattive dell’ossigeno o i radicali liberi prodotti dallo stress abiotico.

 

Quali soluzioni hanno un effetto Curactive?

I biostimolanti come la nostra gamma di aminoacidi altamente concentrati, tra cui Vegenergy o Delfan Plus IT, offrono l’effetto Curactive agli agricoltori. Ricche di vari aminoacidi liberi L-α, queste soluzioni, se applicate per via fogliare durante o dopo eventi di stress, possono aiutare a rafforzare i meccanismi di reazione delle colture per alleviare gli effetti negativi dello stress abiotico.

Queste soluzioni a effetto Curactive hanno un aminogramma diversificato, fornendo più di 17 diversi aminoacidi costitutivi che possono essere utilizzati per produrre tutte le proteine necessarie per la crescita delle piante, la riduzione dello stress, la resa e la qualità. Oltre alle modalità d’azione sopra menzionate, gli aminoacidi liberi L-α rappresentano un risparmio energetico per la pianta e sono particolarmente efficaci nel contribuire a ripristinare la capacità della coltura di metabolizzare i carboidrati e l’azoto quando è stata interrotta, come ad esempio dall’uso di prodotti fitosanitari ( PPP). Questi costituiscono una parte fondamentale del meccanismo di auto-reazione di una coltura contro lo stress abiotico, che l’effetto curativo può aiutare a riavviare o rafforzare.

 

 

Quando e come utilizzo i biostimolanti a effetto Curactive per ottenere l’effetto migliore?

I biostimolanti ad effetto Curactive sono più efficaci se applicati per via fogliare durante o dopo eventi di stress abiotico. In particolare, per gestire in modo ottimale i prodotti che presentano un alto rischio di causare stress fitotecnico, ove compatibili, è meglio applicarli in una miscela in cui l’effetto Curactive aiuterà a evitare che le vie metaboliche dei carboidrati e dell’azoto della pianta vengano interrotte.

Anche se il dosaggio esatto dovrà essere verificato con i tecnici Rovensa Next locali, in generale, l’applicazione durante o dopo eventi di stress abiotico è nell’ordine di 2 applicazioni da 2 – 4 L /ha (in funzione della coltura),  distanziati al massimo di sette giorni l’uno dall’altro.

 

Come faccio a sapere quale approccio dovrei adottare quando si tratta di stress abiotico?

Quando si avvicina uno stress abiotico, o se un agricoltore vuole assicurarsi che la propria coltura sia pronta a resistere direttamente allo stress abiotico, è meglio prendere in considerazione un’applicazione fogliare di soluzioni biostimolanti a effetto Primactive come la gamma Phylgreen prima che arrivi lo stress.

Se lo stress abiotico è già presente o è passato, è qui che è garantito il recupero della coltura con le soluzioni biostimolanti a effetto Curactive come Vegenergy o Delfan Plus IT,  applicate durante o dopo lo stress.

Sebbene si tratti di ottime soluzioni, i migliori risultati nella gestione agronomica si otterranno combinando queste opzioni di gestione diretta con opzioni di gestione indiretta in un programma integrato di gestione dello stress.

Come ti aiutiamo:

Attraverso biosoluzioni sviluppate per soddisfare le esigenze delle colture dal seme al frutto.

Per categorie di prodotti

In base alle Esigenze dell'Agricoltore

Cresciamo insieme.

Ti aiutiamo ad accelerare la transizione green. Offriamo un'ampia conoscenza locale e assistenza tecnica globale.

"*" indica i campi obbligatori

Nome:*
Hidden