858212_18762400

Focus pomacee: scottature, mobilità calcio

Condividi su:

Nei mesi estivi le pomacee sono soggette a condizioni ambientali estreme, scottature e mobilità limitata del calcio sono alcune delle problematiche da affrontare. Talvolta un frutteto con un ottimo carico di frutti può faticare per portare a raccolta la produzione.

Scottature dei frutti

Nel caso di ondate di calore che si susseguano nei mesi di luglio e agosto, a causa della luminosità eccessiva e le temperature alte, le piante in situazione di emergenza riducono la traspirazione per risparmiare acqua, con due conseguenze, la riduzione dell’assorbimento e del trasporto degli elementi nutritivi nel flusso xilematico e un surriscaldamento generalizzato dei tessuti verdi, che normalmente regolano la temperatura della chioma.

 

.

 

In questa situazione, oltre alla riduzione potenziale del calibro dei frutti e delle caratteristiche qualitative, l’eccesso di temperatura produce il fenomeno fisiologico della scottatura dei frutti più esposti (o anche esteso disseccamento delle foglie), con un conseguente calo produttivo.

Rovensa Next dopo anni di prove sperimentali ed esperienze a pieno campo, mette a disposizione Phylgreen, con applicazioni preventive a 48-72 h dall’evento climatico, per preparare la pianta (Effetto Primactive) a superare le giornate più calde contenendo i danni.

La scottatura (solarizzazione) è uno stress abiotico legato al calore e alla luce che provoca l’ossidazione delle membrane e delle proteine che portano all’invecchiamento e alla morte cellulare. Phylgreen stimola e regola la produzione di Heat Shock Proteins (HSP) che mantengono la stabilità e la funzionalità delle proteine di membrana e cellulari sotto stress

 

 

La traslocazione del calcio

In condizioni climatiche normali, estive, il calore intenso e la riduzione della naturale traspirazione, possono compromettere, con una differente sensibilità varietale, l’assorbimento e la traslocazione del calcio (Ca), elemento di per sé poco mobile e molto spesso largamente presente nei suoli nelle forme meno disponibili per le piante.

Rovensa Next per favorire la traslocazione verso i frutti, consiglia sempre di impiegare Vegenergy (o Delfan Plus IT), alla dose media di 1-1,5L /ha, in abbinamento alle varie soluzioni disponibili sul mercato per l’integrazione di calcio fogliare (Calitech, Phostrade Ca, Maxflow Ca e altri prodotti di uso comune). Un’applicazione mirata di Vegenergy, anche in seguito a periodi molto caldi, contribuisce a ripristinare il normale metabolismo della pianta, oltre ad agire come agente complessante naturale per il calcio e prevenire la butteratura amara dei frutti.

 

Vuoi sapere dove trovare i prodotti? Clicca qui e scrivici un messaggio!

 

 

Come ti aiutiamo:

Attraverso biosoluzioni sviluppate per soddisfare le esigenze delle colture dal seme al frutto.

Per categorie di prodotti

In base alle Esigenze dell'Agricoltore

Cresciamo insieme.

Ti aiutiamo ad accelerare la transizione green. Offriamo un'ampia conoscenza locale e assistenza tecnica globale.

"*" indica i campi obbligatori

Nome:*
Hidden